Educazione sessuale somatica

Molte Donne sono state sfidate da relazioni intime. La somatica è idonea a Donne di tutte le età.

Ti ritrovi in:Oppure vuoi:
  • Traumi
  • Bassa autostima
  • Disfunzione sessuale femminile
  • Sesso doloroso
  • Desideri non corrispondenti
  • Vergogna sessuale culturale
  • Calo passionale
  • Sentito dei limiti al tuo piacere
  • Etc
  • Una crescita sessuale
  • Migliorare la tua femminilità
  • Aumentare la tua passionalità o trovarla
  • Capire meglio il tuo corpo
  • Liberare la mente da tabù o un passato di routine
  • Vuoi semplicemente imparare?
  • Etc

Come vedi la somatica è ampia, aiuta la Donna  in tante situazioni.

La terapia della parola è un modo meraviglioso per lavorare su questi problemi, ma quando si tratta di esplorare e curare il proprio sé sessuale, a volte abbiamo bisogno di un approccio olistico e integrale. È qui che entra in gioco l’educazione sessuale somatica.

L’educazione sessuale somatica è una terapia sessuale basata sul trauma, basata sul corpo (nota anche come somatica). Gli educatori offrono esperienze ed esperimenti per risvegliare e nutrire il sé sensuale, usando il respiro, il movimento, il suono e il tocco unidirezionale come strumenti per una maggiore incarnazione. Secondo The Somatic Sex Educators Association (di cui faccio parte), questo può includere cose come “coaching in respiro, movimento, consapevolezza del corpo, definizione dei confini, comunicazione, anatomia, focalizzazione sensoriale, massaggi, trance erotica e altri basati sul corpo insegnamento sul sesso “, così come” tocco genitale e anale per l’educazione, la guarigione e il piacere “.

Gli educatori sessuali somatici non si tolgono i vestiti e offrono solo un tocco unidirezionale  cioè la cliente non può toccarci, ma noi possiamo toccare lei, il che consente alla cliente di concentrarsi esclusivamente su se stessa e sul suo dispiegarsi.

Mentre la terapia tradizionale potrebbe utilizzare la discussione delle emozioni e degli eventi passati per esplorare una preoccupazione, l’educazione sessuale somatica espande l’indagine del sé su ciò che sta accadendo sotto la testa. Riguarda ciò che possiamo notare nel corpo e nel sistema nervoso mentre parliamo di questo trauma, sperimentiamo questo esercizio relazionale, pratichiamo questo respiro, questo tocco. Le sensazioni sono il linguaggio della carne.

Gli educatori sessuali somatici offrono una lente su come possiamo rivendicare il piacere di tutto il corpo.

L’educazione sessuale somatica si è evoluta da Sexological Bodywork, che è stata una professione certificata riconosciuta dallo stato della California dal 2003. Fondata da Joseph Kramer, è nata dal suo lavoro con The Body Electric School a partire dal 1984. Da allora i corsi di formazione si sono diffusi oltre la California in Australia , Canada e in tutta Europa con organizzazioni professionali (come SSEA e ACSB, Association of Certified Sexological Bodyworkers ) che offrono formazione continua, sviluppo e supervisione agli educatori sessuali somatici certificati.

Come iniziano le sessioni?

Ogni educatore sessuale somatico ha il proprio modo unico di praticare e l’educazione sessuale somatica è tutt’altro che un approccio da stampino. Ma darò un’idea di come lavoro con le clienti. Prima che il nostro processo inizi, c’è un invito a dichiarare le loro intenzioni più profonde per iscritto, in pratica: “Cosa vuoi ottenere?” Questo mi aiuta anche a guidare il nostro lavoro, dal punto di vista dell’espansione, non del “blocco”.

E mentre agisco come guida, offro anche il permesso esplicito a ciascun cliente di prendersi cura di se stesso e chiedere ciò di cui ha bisogno in qualsiasi momento. Lo pratichiamo immediatamente identificando dove si sente più a suo agio nella stanza. È importante imparare prima a prendersi cura di se stessi in qualsiasi ambiente.

Per la maggior parte delle clienti, mi piace insegnare una respirazione come pratica fondamentale che aiuta a sviluppare una maggiore consapevolezza oltre a insegnarle alcuni sfiori gambe, addome ecc “sempre vestiti”. In altre parole, guido la cliente a notare l’intero corpo in termini di sensazione, piuttosto che emozione: formicolio, contrazione e calore piuttosto che, diciamo, ansia o gioia. Quindi vediamo se riescono a respirare più a fondo nel bacino e nei genitali. Come ci si sente? Ci sono altri posti che hanno bisogno di più respiro? L’obiettivo non è sentirsi rilassati (anche se ciò può accadere), ma solo notare e sintonizzarsi.

Nella mia esperienza di lavoro con persone con una serie di problemi sessuali, dal trauma al semplice desiderio di avere più piacere, ho notato tre aree generali di difficoltà:

  • Sapere che tipo di tocco si desidera
  • Chiedere il tocco
  • Ricezione del tocco

Potrebbe esserci una sfida in tutte e tre le aree, o solo in una. Di solito inizio offrendo esercizi di tocco tratti dalla Ruota del consenso di Betty Martin , che chiede: chi sta facendo cosa e per chi è? Questo è molto diverso da altri lavori sul corpo in quanto è guidato dalla cliente. Non tocco mai una cliente perché penso che sia qualcosa di cui ha bisogno. Sono gli iniziatori di tutto il tocco che ricevono.

Voglio farti un esempio semplice

Quando chiedo “Come vorresti che ti toccassi?” Può intimidire: a volte le persone si bloccano e disegnano uno spazio vuoto, il che è del tutto normale. È qui che potremmo tornare a notare cosa sta succedendo nel corpo per aiutare a regolare il sistema nervoso o vedere se il corpo parlerà a un desiderio, dando il tempo e il permesso di entrare nell’indagine. A volte le persone ridono, piangono o qualsiasi altra cosa nel mezzo; non molte persone sono abituate a chiedersi come vorrebbero essere toccate.

Posso offrire scelte: “Vorresti che ti tenessi la mano o ti massaggiassi la spalla?” Non potevano dire né l’uno né l’altro, il che è molto gradito! Se dicono “Massaggiami la spalla”. Riconosciamo che il controllo e la cura durante il tocco – “È ancora un sì?” – è un modo per seguire lo sviluppo della loro scelta incarnata. Farò anche domande del tipo: “Vorresti meno o più pressione, più velocemente o più lentamente?” Chiedere “Va bene?” Generalmente non favorisce la sintonizzazione più profonda del ricevente su ciò che desidera.

Chiedendo il tocco, ci si può sentire limitati da condizionamenti culturali o modelli di comunicazione di lunga data. Offrendo una varietà di strumenti di autoregolamentazione e uno spazio sicuro da esplorare, è possibile sviluppare nuovi percorsi neurali e le persone possono trovare la loro voce mentre navighiamo in questo terreno vulnerabile chiedendo ciò che si vuole veramente. L’educazione sessuale somatica non è perseverare, ma perseguire veramente ciò che ci fa sentire bene.

Ricevere il tocco a volte è il più complicato. L’invito è di orientarsi continuamente verso “Cosa ci fa sentire meglio?” L’obiettivo è essere presenti con la propria esperienza, lasciarla entrare davvero, sentire il piacere del tatto nella sua pienezza. Questa può essere una sfida, proprio qui che l’educazione sessuale somatica apre le porte del tuo sé interiore.

Man mano che le persone crescono nella loro pratica e competenza nel conoscere, chiedere e ricevere nel corso di una serie di sessioni, c’è un ciclo di feedback positivo che promuove una scelta e una voce più autorizzate. Per molti, creare un’esperienza piacevole per se stessi è il primo.

È l’esplorazione delle nostre sfide sessuali che offre la libertà da modelli morti e logori in tutte le aree della nostra vita, che limitano il nostro piacere erotico e la piena auto espressione di corpo, mente e spirito. Le opportunità esperienziali dell’educazione sessuale somatica ci consentono d’integrare il nostro apprendimento somatico per una maggiore guarigione personale e collettiva, favorendo il risveglio attraverso la nostra relazione con il sé, l’altro e il mondo.

Pronta a fare i passi successivi?

Servizi mirati – Strumenti esclusivi – Rapporto personalizzato

Leave A Comment